Le Origini Pagane di alcune pratiche della Dottrina Cattolica.

Reading Time: 4 minutes

Il Natale Cattolico è passato da qualche giorno. Sappiamo bene che alcune tradizioni della Chiesa cattolica romana possono essere fatte risalire a culti, riti e divinità pagane. Infatti, un certo numero di feste e miti cattolici, rappresentano la cronologia delle feste della fertilità precristiane. 

Pensiamo ad esempio al Rito Cattolico della Santa Comunione, parallelo ai rituali precristiani greco-romani ed egiziani che prevedevano il consumo del corpo e del sangue di un dio. Oppure la pratica cattolica di pregare i santi è stata chiamata “idolatria di fatto” e persino una reliquia del culto della dea.

Nel IV secolo, la Chiesa Cristiana si era affermata come la fede ufficiale dell’Impero Romano attraverso una campagna di base di successo per dominare, e quasi sterminare, il paganesimo. Ma l’ha fatto?

In realtà, la Chiesa primitiva dovette fondersi con pratiche e credenze pagane per integrarsi nella società romana. Nei riti e nei simboli della Chiesa Cattolica Romana, troviamo miti, divinità, feste e rituali precristiani sopravvissuti, anche se ribattezzati. Ecco almeno tre pratiche cattoliche riconducibili ad antiche religioni e culti pagani.

TRANSUSTANZIAZIONE

Uno degli elementi più affascinanti del cattolicesimo è il consumo rituale cannibalistico del loro “semidio” noto come Santa Comunione o Eucaristia. Durante la messa cattolica, pane e vino vengono trasformati nella carne e nel sangue di Gesù Cristo, che è considerato il figlio di Dio, in un rito chiamato “transustanziazione”. Questa non è una trasformazione simbolica. Un insegnamento fondamentale della fede cattolica è la fede dogmatica nella transustanziazione letterale. I praticanti mangiano il corpo e il sangue di Cristo per diventare uno con Dio.

Rituali simili erano praticati nelle “religioni misteriche” sotterranee del mondo greco-romano. In alcune di queste religioni occulte, i celebranti condividevano un pasto comune in cui banchettavano simbolicamente con la carne e si ubriacavano del sangue del loro dio. Ad esempio, i misteri mitraici, o mitraismo, erano un culto misterioso praticato nell’impero romano nel 300 a.C. in cui i seguaci adoravano la divinità indo-iraniana Mithra o Mithram, il dio dell’amicizia, del contratto e dell’ordine. Rispecchiando il rito eucaristico cattolico, l’idea della transustanziazione era una caratteristica dei sacramenti mitraici che includevano la torta e la bevanda Haoma. Ma il rituale probabilmente non era nemmeno originario del mitraismo. In Egitto intorno al 3100 a.C., i Sacerdoti consacravano torte che sarebbero diventate la carne del dio Osiride e mangiate.

FESTE SANTE E CARNEVALI.

La sopravvivenza delle antiche comunità dipendeva intimamente dalla fertilità della terra, quindi il loro simbolismo religioso e le loro feste riflettevano questo legame fondamentale tra l’uomo e i cicli della natura. Un certo numero di feste e miti cattolici paralleli alla linea temporale e adottano i simboli delle feste della fertilità precristiane. Nel cattolicesimo, si pensa che Gesù Cristo sia nato il 25 dicembre, il giorno di Natale. Nelle religioni romane precristiane, il Solstizio d’Inverno era un evento sacro fondamentale che si svolgeva il 25 dicembre al tempo del calendario giuliano. L’usanza più nota era la festa romana dei Saturnali, che veniva celebrata in modo simile al Natale con bevute, fuochi, doni e adorazione degli alberi.

Allo stesso modo, il martedì grasso cattolico, è radicato nella celebrazione romana precristiana dei Lupercalia; una festa di febbraio in onore del dio romano della fertilità, le sue usanze prevedevano banchetti, bevute e “comportamento carnale”. Oggi, lo stesso si può dire del Martedì Grasso, quando i cattolici (così come i non cattolici) mangiano cibi e feste prima di astenersi per 40 giorni durante la Quaresima.

Quando si tratta di Pasqua, celebrata la prima domenica dopo la prima luna piena dopo l’equinozio di primavera, la storia simbolica della morte di un dio (o sole/figlio) e la rinascita primaverile è una storia antica come il tempo. L’equinozio di primavera era riconosciuto da vari culti pagani come una festa che segnava la resurrezione della luce che trionfa sulle tenebre e la fresca fecondità della terra. Una di queste feste era Eostre, che celebrava una dea settentrionale con lo stesso nome. Il suo simbolo era la lepre prolifica che rappresentava la fertilità.

ADORAZIONE DELLA DEA: LA VERGINE MARIA E SANTA BRIGIDA

Sebbene teoricamente monoteista, la pratica cattolica di pregare i santi è stata chiamata “idolatria di fatto” e persino una reliquia del culto della dea. Dee pagane ribattezzate si possono trovare oggi nella Chiesa cattolica nelle forme di Santa Brigida e della Vergine Maria.

Maria, la Vergine Madre di Cristo, è probabilmente l’icona cattolica più importante tranne la Santissima Trinità. È probabilmente la fusione di dee madri precristiane dell’antichità i cui ranghi includono Artemide, Demetra, Diana, Era, Iside e Venere. Il culto della dea egizia Iside potrebbe aver avuto un’influenza particolarmente forte sul mito cristiano. Sebbene i documenti storici non possano confermarlo del tutto, ci sono prove fisiche di statue di Iside che culla Horus che sono state convertite e riutilizzate come la Vergine Maria che tiene in braccio Gesù.

Brigida, l’amata dea celtica associata alla fertilità e alla guarigione, è forse l’esempio più chiaro della sopravvivenza di una dea primitiva nel cattolicesimo. I praticanti, in particolare in Irlanda, rendono omaggio a Santa Brigida d’Irlanda che condivide molti degli attributi della prima dea. La sua festa, il primo febbraio, cade più o meno nello stesso periodo della celebrazione pagana di Imbolc.

L’appropriazione di queste pratiche e simboli pagani da parte della Chiesa cattolica mostra come, man mano che gli interessi sociali cambiano e si stabiliscono nuove istituzioni, i miti e le pratiche religiose non vengono sterminati così facilmente. Oggi, milioni di cattolici che mangiano il corpo e il sangue del loro dio, chinano il capo davanti agli idoli femminili e celebrano i cicli naturali del calendario liturgico, adorano ancora alla maniera degli antichi pagani.

Comitato di Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.